Rasun Anterselva - Bolzano
VAI ALL'HOTEL
Bellamonte - Trento
VAI ALL'HOTEL
Torre a Mare - Bari
VAI ALL'HOTEL
Marebbe - Bolzano
VAI ALL'HOTEL
Eur - Roma
VAI ALL'HOTEL
Logo Alpinum
Logo Italica
Icon Flag
Icon Contact
Contatti
Icon Offers
Offerte
Icona Meteo
Meteo
17 gennaio neve 4.21 °C
18 gennaio neve -6.08 °C
19 gennaio cielo sereno -8.13 °C
Ita Eng Deu
Prenota Online
Arrivo
17-1-2019
Partenza
18-1-2019

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
News | Natura | 25/10/2015
Foliage in Valle Aurina e dintorni

Foliage in Valle Aurina e dintorni

“Non ci sono più le mezze stagioni. Sei in estate, ti giri e sei subito in inverno”.

Quante volte abbiamo sentito quest’affermazione. Quasi a credere che il mondo sia veramente diviso in due stagioni, estate – inverno; bianco – nero. E invece esistono miriadi di sfumature. Anche e soprattutto in Montagna. Mai sentito parlare del fenomeno del foliage? È una magia che accade in autunno, quando la natura si infiamma e si accende di oro, rosso, arancio, giallo e marrone.

E il in Valle Aurina? Bè, venite a trovarci e vedrete con i vostri occhi.

foliage in valle aurina

Basta percorrere uno dei tanti sentieri che ci circondano, per essere catapultati in un’esplosione di meraviglia.

Il foliage in Valle Aurina

Considerata da molti come una delle parti più belle e incontaminate dell’ Alto Adige, lo scenario in cui si estende la Valle Aurina lascia letteralmente senza fiato. E sapevate che è stata proprio la Valle Aurina ad avere lanciato per prima in Italia la passione per il foliage? Vengono infatti proposti itinerari combinati che offrono percorsi fra i boschi, ma anche la possibilità di assistere al rientro del bestiame dagli alpeggi ai masi prima della stagione invernale.

Lo stupore è garantito per tutti gli esploratori del luogo, dai bambini ai più adulti. Fuori le macchine fotografiche e sfida aperta alle più ricercato, con lo scopo di provare a immortalare uno spettacolo naturale a cui solo l’occhio umano riesce a rendere giustizia. Il termine “foliage” proviene proprio dal francese e si riferisce alla “chioma” degli alberi. Boschi, foreste e sentieri immersi nella natura diventano la maggiore attrazione. Nessuna distrazione o meta.

L’attenzione è il percorso, l’ambiente stesso e quanto l’autunno di palesi su di esso con tutta la gamma dei suoi possibili colori.

Non sapete dove andare? Ecco tre idee adatte a tutti e davvero imperdibili:

In mezzo ai boschi

I boschi che costeggiano il torrente Aurino, tra San Giovanni e Campo Tures, regalano spettacolari riflessi di luce e colore, da ammirare per tutti gli appassionati di trekking e fotografia. Anche il vicino Parco Naturale Vedrette di Ries-Aurin è un’ottima base per passeggiate all’insegna della natura autunnale.

foliage in valle aurina

Itinerario Forza dell’Acqua

Le iniziative alle quali partecipare (da soli, in coppia o con bambini) sono molteplici. Il foliage in Valle Aurina trova uno dei suoi massimi con l’itinerario chiamato “Forza dell’Acqua”. Attivo quasi tutto il mese di Ottobre, l’escursione guidata precede la scoperta di Selva dei Molini.

foliage in valle aurina

Il percorso, che si può fare anche senza guida (troverete lungo l’itinerario diversi panelli illustrativi) vi darà modo di ammirare il foliage ma anche i famosi mulini della zona, e trova il suo epilogo nella piccola Gola di Lappago. Località, quest’ultima, graziosa e molto romantica. Maggiori informazioni le trovate qui.

Scappata a Soprabolzano

Da non perdere, anche una scappata Soprabolzano, con la funivia che parte da Bolzano e che arriva a Collalbio. Vi troverete qui sul meraviglioso altopiano del Renon, pieno di angoli meravigliosi da scoprire. Per i più pigri, fate un giro sullo storico trenino del Renon e ammirate la natura che esplode comodamente seduti su uno dei mezzi più affascinanti d’Italia.

Oppure, seguite uno dei tanti sentieri dell’altopiano. Fra tutti, segnaliamo il sentiero Pyramix particolarmente indicato per le famiglie con bambini e pieno di giochi lungo il percorso. Infine, inserite nel vostro itinerario, una visita alle stupefacenti piramidi del Renon. Un vero spettacolo della natura!

foliage in valle aurina

L’aria frizzante, tipica di tutta la Valle Aurina, stimolerà inoltre l’appetito. E durante le strade per i bellissimi boschi è possibile imbattersi in tipici ristoranti dove gustare specialità come lo speck, formaggi tipici e gli immancabili canederli.

Subito dopo, non esiste passeggiata più bella, fatta nuovamente tra i meravigliosi scenari della provincia bolzanese. Circondati dal foliage delle foreste e dalla maestosità dei suoi alberi, potrete respirare la magia di una natura che sembra davvero incontaminata per quanto brillante in vitalità e colori.

Impossibile non scovare un angolo dove sdraiarsi sull’erba profumata. Gioco perfetto da fare con i propri figli. A naso per aria e a sguardo stupito, farete del foliage e delle chiome degli alberi, il vostro cielo. Dietro i colori arancioni, rossi e alle mille sfumature di giallo, vedrete comunque l’indaco di un cielo che giocherà al contrasto con i toni caldi delle foglie. Il sole pallido chiederà permesso tra i rami e le trasparenze delle foglie più grandi, lasciando ammirare tutte le venature di linfa e resina con cui la natura nutre i suoi amici alberi.

A differenza di quanto si possa credere, sono molti i posti nei quali scoprire i colori dell’autunno in Italia. La magia del foliage in Valle Aurina è comunque annoverata tra quelle più accreditate. Merito anche di ambiente di montagna che con la sua aria fresca permette massimo spazio alla manifestazione della natura, specie nei suoi cambi di stagione.

Se avete paura che l’inverno arrivi troppo in fretta e volete godervi tutto lo splendore e le suggestioni che l’autunno è in grado di regalare, la scoperta di questi itinerari fa al caso vostro. Non si richiedono attrezzature o particolari regole organizzative. Basta scoprire i foliage più belli da ammirare e preparare una sostanziosa colazione al sacco.

L’attrazione è la natura stessa e la magia dei suoi colori. Sta a voi scoprire se non esistono davvero le mezze stagioni